Novita': aggiunto sondaggio, iscrizione a mezzo Blogger, abilitazione commenti, barra di ricerca sugli articoli in alto a sinistra



martedì 2 febbraio 2010

(1) Il deposito telematico dei documenti in cassazione

Pur non avendo notizie complete su come dovrebbe essere il deposito telematico di un documento in cassazione, ho dato un'occhiata ad un'XSD che pare definirne la struttura.

Ho chiesto l'XSD originale alla DGSIA nella speranza che sia stato pubblicato, perche' il documento che ho letto io non l'ho avuto dal sito del ministero, in effetti ci sono parecchi documenti sul sito del ministero, ho qualche difficolta nel leggere la mole completa dei documenti, perche' al momento mi sto concentrandomi su nove atti relativi alle esecuzioni immobiliari (ne ho completati 4).

Lo schema dovrebbe essere disponibule sul percorso http://schemi.processotelematico.giustizia.it/cassazione/introduttivi/v1/Ricorso.xsd

Putroppo il percorso schemi o non esiste o non e' accessibile al pubblico, percui ho difficolta' a capire lo scopo di indicare un nome se poi questo non ha una applicazione pratica: ho chiesto al DGSIA se il percorso esiste e se puo' essere reso pubblico.

Ho una esperienza limitata con schemi XSD, XML, etc percui non ho ancora potuto approfondire se la prassi di indicare un percorso inensistente abbia fondati motivi.

Nei prossimi giorni provero' a dettagliare il contento di Ricorso XSD

1 commento:

  1. In generale i namespace XML non richiedono che l'indirizzo sia dereferenziabile, ovvero punti realmente a qualcosa.

    Gli indirizzi web vengono comunemente usati solamente perché offrono un sistema semplice per evitare che differenti persone definiscano schemi aventi lo stesso identificativo, (ovviamente fintantoché ciascuno usi il proprio indirizzo :) .

    RispondiElimina